top of page

AMPLIAMENTO DI UN IMPIANTO ENOLOGICO, BARILE (PZ)

2008

Il progetto parte dalla rilettura critica della cantina preesistente, dei rapporti pieni-vuoti e di relazione con l’orografia.Pur avendo a disposizione una tenuta molto estesa, si è esclusa la possibilità di un impianto ex novo, per il suo maggiore carico visivo ed ambientale. Lo sviluppo orizzontale della struttura ed il ricoprimento vegetale della nuova casa vinicola, da collegare al nucleo storico, nascono, oltre che obiettivi prestazionali, da precise scelte di ordine ecologico e di salvaguardia paesaggistico – ambientale.Sotto la coltre ri-piantumata a viti la linea orizzontale della quinta lignea libera la visuale del preesistente, esaltando la verticalità del torrino. La leggerezza del nuovo si coniuga alla solidità dell’antico. Un segno unico, strutturale ed energetico insieme, segnala la presenza dell’edificio all’esterno: il grande portale con travi binate che integra il sistema di captazione solare, attivo e passivo, e di ombreggiamento naturale e di captazione delle acque piovane.

PREMI E RICONOSCIMENTI

  • S E L E Z I O N E   - Mostra Convegno LUOGHI DI PRODUZIONE ECOCOMPATIBILI 40 PROGETTI, SAIE 16-17 ottobre 2008, BOLOGNA

PUBBLICAZIONI

  • Luoghi di produzione ecocompatibili. Edifici e aree produttive, Lara Bassi (a cura di), Architettura sostenibile / report, Edicom Edizioni, 2009

Ampliamento di un impianto enologicoDSC_
DSCN2096.JPG
schizzofucci003.jpg
bottom of page